Aurora Cannabis mette 1,7 milioni di piedi quadrati di colosso nell'area di vendita

Aurora Cannabis prevede di scaricare una delle serre più grandi e costose utilizzate per coltivare cannabis nella storia, ma qualsiasi potenziale acquirente potrebbe essere impegnato a ottenere più spese in modo che il progetto possa essere completato con successo.
Secondo i materiali promozionali pubblicamente disponibili, Aurora ha investito 260 milioni di dollari canadesi (205 milioni di dollari USA) "tutto compreso" nel complesso di 1,7 milioni di piedi quadrati a Medicine Hat, Alberta, dove la società avrà sede a Colliers International, a Toronto, è quotata in qualità di advisor finanziario e agente di quotazione per immobili parzialmente completati.
Tuttavia, se l'acquirente completa l'uso originale della serra ("come una struttura di serra di livello medico all'avanguardia"), potrebbe richiedere milioni di dollari in spese aggiuntive, e se è completata per non-cannabis uso, può richiedere una spesa inferiore.
L'elenco è l'ultimo esempio del ritiro su larga scala del più grande produttore canadese dalle serre di cannabis su larga scala nell'ultimo anno e il produttore ha ampiamente superato lo spazio seminativo tra il 2017 e il 2019.
Secondo il rapporto "Cannabis Business Daily", molti di questi progetti di serre, realizzati attraverso fusioni e acquisizioni o completati attraverso fusioni e acquisizioni, alla fine hanno causato ai produttori autorizzati canadesi di subire direttamente un totale di milioni di dollari in perdite immobiliari e miliardi accumulati di dollari. La svalutazione dell'inventario.
L'indirizzo sulla brochure dell'Alberta Greenhouse corrisponde all'indirizzo utilizzato dalla struttura Aurora Sun.
MJBizDaily ha appreso che Aurora ha effettivamente interrotto l'uso della serra Aurora Sun lo scorso anno e sta portando la proprietà sul mercato senza il problema del "prezzo di scoperta" dei prezzi richiesti. Ciò contribuirà a determinare i prezzi delle attività in mercati volatili.
Secondo l'opuscolo, il "completamento dell'obiettivo" è indicato dalla fine del secondo trimestre all'inizio del terzo trimestre di quest'anno.
La mossa arriva un anno dopo che Aurora ha accettato la sua offerta per una grande serra a Exeter, in Ontario, e l'offerta è circa la metà del suo prezzo di quotazione di 17 milioni di dollari canadesi e un terzo del prezzo di acquisto originale.
In una dichiarazione via e-mail a MJBizDaily, un portavoce ha osservato che Aurora "revisiona continuamente la rete operativa dell'azienda per garantire che sia adatta alla nostra attività attuale ea breve termine".
La dichiarazione ha continuato: "In risposta agli ultimi cambiamenti nel settore e ai nostri requisiti strategici, la società ha annunciato che sospenderà a tempo indeterminato le operazioni presso Aurora Sun a Medicine Hat, Alberta".
"Stiamo promuovendo attivamente usi alternativi della struttura. Non ci sono informazioni più dettagliate in questo momento perché il processo è ancora nelle sue fasi iniziali".
In vendita è un edificio principale di 1,4 milioni di piedi quadrati e un edificio ausiliario di 285.000 piedi quadrati.
Secondo la brochure, il venditore (Aurora in questo caso) è "aperto a un'ampia gamma di potenziali strutture di transazione e forme di corrispettivo per massimizzare il valore".
"Ciò includerà, ma non è limitato a, la vendita diretta di uno o due edifici in contanti o altre forme di corrispettivo; la vendita di parte del capitale a un partner; o la locazione di un complesso."
Sebbene siano stati investiti molti soldi, la serra di Medicine Hat è ancora incompiuta.
"Sono necessarie ulteriori spese in conto capitale per completare la struttura, ma il costo sarà determinato dall'uso previsto dell'acquirente", ha dichiarato l'amministratore delegato di Colliers International Matt Rachiele a MJBizDaily via e-mail.
"Abbiamo ricevuto indicazioni molto preliminari dagli ingegneri. Finora, il costo del completamento di tutte le strutture per determinati usi diversi dalla marijuana può essere molto inferiore al 10% della spesa, ma per superare lo scopo previsto originale, deve spendere molto di soldi."
Rachiele ha affermato che sei delle 37 campate dell'edificio principale sono state completate e le altre sei sono state parzialmente completate.
Il documento promozionale diceva: "Sebbene fosse originariamente destinato a essere completato come una struttura avanzata per serre di livello medico, l'edificio e le relative attrezzature possono essere facilmente utilizzati per una gamma più ampia di potenziali usi".
Matt Lamers è l'editore internazionale del Cannabis Business Daily, con sede vicino a Toronto. Puoi contattarlo tramite [Protezione e-mail].
Spero che qualcuno approfondirà il motivo per cui le dimensioni del mercato canadese della cannabis sono così sopravvalutate. La crescita illegale (senza licenza) o la tassazione eccessiva possono spiegare alcuni dei problemi?
Mi piacerebbe vedere il Canada esportare cannabis in Illinois. I parassiti avidi lì fanno pagare molto e traggono profitto dai loro clienti. Mancano di etica o di etica degli affari. Creature come questa dovrebbero essere imprigionate.
Cannabis Business Daily: la fonte più affidabile di notizie quotidiane, scritte esclusivamente da giornalisti professionisti del settore. Per saperne di più


Orario postale: 25 marzo-2021

Lascia il tuo messaggio

Scrivi qui il tuo messaggio e inviacelo